Rimuovere un server Microsoft Exchange 2003

Exchange 2003 è un buon prodotto ed è sulla scena da anni, ormai; a causa di questo si rende talvolta necessario eliminare da un dominio un Exchange, per obsolescenza dell’hardware, per necessità di aggiornamento dell’infrastruttura, o per un upgrade.

Di seguito elenco i passi necessari per pensionare definitivamente un server e spostarne tutti i servizi su uno nuovo. Lo scenario da cui partiamo consta di almeno due Exchange e si presenta l’esigenza di spegnerne uno, in particolare il primo ad essere stato installato. Continua a leggere

Bloccare la posta in uscita di un utente Microsoft Exchange

Per disabilitare la posta in uscita di un utente Exchange lasciandogli la possibilità di inviare messaggi agli utenti interni procedere come segue: dal System Manager di Exchange –> Routing Groups –> Connettore SMTP. Nelle proprietà del connettore scegliere Delivery Restrictions e aggiungere l’utente nel box “reject message from”.

(Così vediamo se riesco a dimenticarmelo di nuovo).

I log di Microsoft Exchange Server

Exchange Server non salva i dati direttamente nel suo database, bensì in una serie di transaction log che vengono consolidati successivamente. Nel caso il db si dovesse rovinare, questi log possono essere utilizzati per un disaster recovery, ma se questi file non vengono gestiti in maniera adeguata possono crescere a dismisura riempendo lo storage e compromettendo le prestazioni del server.

Ci sono alcune buone ragioni per usare il modello log-commit. Intanto il processo di scrittura delle transazioni su un log con successivo consolidamento è più efficiente e sicuro: scrivere in file piccoli – i log sono 5 mega ciascuno – è più veloce e meno critico che modificare un bestione da diversi giga; il commit può essere poi fatto con processi a bassa priorità e non in tempo reale, senza bisogno di attendere in coda ad altre eventuali altre attività di scrittura su database. Inoltre i transaction log prendono parte al backup di Exchange Server: in considerazione del fatto che non è possibile salvare un file aperto, se i dati fossero scritti direttamente sul db esso dovrebbe essere chiuso prima di poter effettuare il salvataggio, con la conseguente interruzione del servizio durante il processo di backup, che per server con parecchie mailbox può durare anche diverse ore. Nel momento del backup i log esistenti vengono consolidati, il db chiuso e salvato mentre il servizio continuerà ad essere disponibile, visto che le nuove transazioni verranno scritte su nuovi file di log. Nel caso di un ripristino del database, i logfile esistenti possono essere utilizzati per aggiornare il db alle ultime transazioni effettuate dopo il backup, che altrimenti andrebbero perse. Continua a leggere