Integratori Myprotein: impressioni d’uso.

Tutti coloro che corrono o fanno un’attività sportiva simile alla corsa prima o poi si pongono il problema degli integratori. La mia alimentazione è corretta? Devo aggiungere qualcosa? Ci sono cose che mi possono aiutare a utilizzare meglio l’energia o a smaltire meglio la fatica? I meccanismi energetici che si scatenano durante l’attività fisica sono abbastanza complessi e sono la combinazione di diversi fattori: un’alimentazione corretta e una giusta integrazione sono importanti e non va sottovalutato l’impatto psicologico o addirittura scaramantico che si accompagna all’assunzione di integratori. Continua a leggere

Scarpe Adidas Ultra Boost

Un paio di mesi fa mi hanno regalato un paio di Adidas Ultra Boost perché le potessi provare con calma, e dopo averci corso un centinaio di chilometri condivido qui le mie impressioni.
Non si tratta di scarpe che passino inosservate: la tomaia brilla di un giallo fluo particolarmente vivo, rendendole poco adatte a situazioni diverse dalla corsa: diciamo che non potrete indossarle in ufficio neppure nei “casual friday”, ma ne esiste comunque una versione in un grigio leggermente più sobrio. Continua a leggere

La Mezza Di Genova 2015


L’anno scorso l’ho saltata per l’operazione al menisco e sono irritato ancora adesso. Mi ero iscritto talmente presto che avevo il pettorale N. 22: prima di me solo Kenioti e top runner, credo. Quest’anno ho fatto poco di meno: pettorale 72 su 3.000 iscritti. Capirete il nervoso quando due mesi fa ha cominciato a farmi male il polpaccio sinistro. Dolori passeggeri, a volte forti. Mi credevo guarito ma il mese scorso ho corso la Stramilano e mi sono fatto male: da quel momento non sono più stato al 100%. Ho cercato di riposarmi e di curarmi, ma sapevo di non essere a posto e neppure lontanamente pronto per affrontare una Mezza. Malgrado tutto la mezza della mia città conta molto per me, e ho deciso che l’avrei corsa comunque. Continua a leggere

Stramilano 2015

Io-Stramilano-2015bCon un  po’ di ritardo vi racconto della mia Stramilano di domenica scorsa.
Arrivo da un periodo di allenamenti inesistenti, fatti male, corsi poco e senza il minimo criterio. Ma è un periodo che va così: mi piace correre, ma sono svagato, guardo il paesaggio, mi distraggo, respiro, gioisco in modo diverso, e soprattutto correrei per chilometri e chilometri a ritmi molto lenti, cosa che non si concilia per nulla con la preparazione per una mezza maratona, ma alla fine chissene, non ho ansie. Ho anche trascurato l’alimentazione e l’idratazione, e di questo parliamo dopo. Continua a leggere

Each man kills the thing he loves

Non ci credo.

Non ci credo quando mi dici che non sai quanta strada hai corso, quanti chilometri, quanti metri, quanti centimetri hai percorso prima di poter dire: “Ok, adesso basta, ho finito.”

Non ci credo perché se davvero non lo sai io e te non facciamo la stessa cosa, non giochiamo nello stesso campionato, non siamo neppure nello stesso sistema solare, amico.

Non ci credo, perché se davvero non lo sai vuol dire che non hai lavorato duro, non hai sofferto, non hai imprecato quando non avevi ancora finito e la meta ti sembrava ancora lontana. E se è così, vuol dire che per te è tanto semplice, tanto naturale, tanto irrilevante, da convincermi che ok, sei bravo, ma sei bravo quanto uno biondo a nascere biondo, o quanto uno alto 1,95 è stato bravo a crescere. Continua a leggere