Fastidio e pessimismo

A T T E N Z I O N E ! Questo post ha piu' di sei mesi. Le informazioni contenute potrebbero non essere aggiornate.

Novità in vista per il lavoro, e non so ancora se mi piaceranno o meno. Mi si sposta come una cassettiera, solo che non so nulla sul nuovo posto, né delle condizioni contrattuali né di quelle economiche. Sono sfiduciato.
Sto persino valutando l’idea di mettermi in società con un amico, ma la matematica è tutta da fare.

21 risposte su “Fastidio e pessimismo”

non ti consolerà affatto, ma anche nelle grandi aziende i contratti son gestiti dall’ufficio acquisti al pari delle cassettiere e delle stampanti… e quelli che se la passano bene sono pochi.

Purtroppo ormai il lavoro, in particolare nel campo informatico, dà sempre meno soddisfazioni e cambiare in meglio è sempre più difficile se non impossibile, specialmente quando si superano i 35 anni.

[…] C’e qualcosa di imbarazzante a vivere in questo paese, persone che conosco come allegre e tranquille si sentono sfiduciate o profondamente innervosite. Io provo un profondo rancore e una grande sfiducia e a dire il vero, non so nemmeno il perche. Di sicuro non e colpa di qualche untore pesso-comunista come dice il nostro lider nano e neppure l’adsl che a casa non funziona da una settimana e l’assistenza non sa che dire o meglio, dice delle cose ma uno preferisce dimenticarsele in fretta: Ah si, pare che abbiano avuto un problema nella risoluzione del Suo problema e abbiano chiuso inavvertitamente la Sua segnalazione […]

…comunque vada sei sembre nei miei pensieri…ooops bookmark cfredo che tu possa dare il meglio ovunque le nostre rade conversazioni mi hanno dato molta stima in un uomo sincero con dei valori importanti prima del denaro

VAI Andrea

voglio farti i più sinceri auguri e trasmetterti un sano real-ottimismo per il vs. futuro. già, perchè da quel che hai concesso di vedere sul tuo eccezionale blog, non sei solo.
lascia perdere le sensazioni negative, non fartene carico, inspira a pieni polmoni l’energia che ti pervade, sicuramente, quando guardi chi sai tu, mentre gioca, o dorme o insomma quando vuoi tu.
mi auguro di non essere stato invadente, ma negli attimi c.d. bui del mio percorso “vitae”, tale atteggiamento mi ha fatto sempre saturare di luce quei momenti.

un saluto da parte di un coeatneo.

I commenti sono chiusi