Di autorevolezza e del controllare le fonti

A T T E N Z I O N E ! Questo post ha piu' di sei mesi. Le informazioni contenute potrebbero non essere aggiornate.

Ora io mi chiedo: ma se Massimo ci ha messo 5 minuti a controllare, perché un giornalista non ce la fa, visto che è il suo mestiere? Incapacità? Dolo? Bisogno di trovare qualcosa per giustificare lo stipendio?

Quasi ogni volta che sento/leggo un giornalista che parla di qualcosa che conosco meglio della media, mi accorgo che sta trattando l’argomento con superficialità e pressappochismo. E allora come faccio a fidarmi quando parla/scrive di qualcosa su cui so poco o nulla?

(Dato che di Massimo mi fido, è stato quasi inutile controllare quello che lui afferma. Dico quasi perché lui ci è andato leggero: il disclaimer del sito dice anche: …statements about products and health conditions have not been evaluated by the U.S. Food & Drug Administration. In pratica nessuno ha certificato né controllato il prodotto e le condizioni di salute dei pazienti.)

2 pensieri riguardo “Di autorevolezza e del controllare le fonti

I commenti sono chiusi