Come fare una webradio, for dummies

A T T E N Z I O N E ! Questo post ha piu' di sei mesi. Le informazioni contenute potrebbero non essere aggiornate.

E’ da un po’ che ricevo richieste di chiarimenti e/o spiegazioni sul funzionamento delle webradio, ho deciso quindi di scrivere questo tutorial per la creazione di una internet radio.

Attenzione: ci sono implicazioni di copyright non banali: è vietato trasmettere musica, anche posseduta legalmente, a meno che non paghiate la SIAE. Non so se esistono delle norme che regolano la trasmissione di programmi parlati. Le istruzioni sono esclusivamente tecniche, non ho competenze legali e non posso dirvi se e cosa è permesso mandare in onda.

La guida è rivolta agli utenti Windows; esistono anche versioni del server per l’ambiente Linux e OS/X, oltre a DSP e player.

A causa delle particolarità della rete, gli utenti FastWeb “comuni” non possono pubblicare su Internet la radio, che rimane confinata alla rete locale: casa o ufficio, insomma.
Non spaventatevi per la lunghezza: la guida è fatta in modo da accompagnarvi per mano nella configurazione, ma alla fine basta inserire quattro parametri quattro per fare funzionare il tutto.


Avete bisogno di:

  • Una connessione ADSL.
  • Winamp, scaricate la versione Full, gratuita.
  • Il server SHOUTcast, scaricate la versione per WIN32.
  • Il plugin DSP per Winamp 2.1
  • Perché la vostra radio sia accessibile da internet, avete bisogno di “pubblicare” almeno una porta TCP, cioè eventuali firewall devono permettere l’accesso al vostro PC tramite il numero di porta TCP scelto nella configurazione del server. Se utilizzate un router, dovreste essere in grado da soli di configurarlo adeguatamente, se utilizzate un comune modem dovete intervenire sul firewall software. Vedremo il caso del firewall di windows XP SP2.
  • Banda. Se volete trasmettere ad alto bitrate per molti utenti, avete bisogno di molta banda in uscita dal vostro server. Con una normale ADSL potete trasmettere benino per una quindicina di ascoltatori. Fate qualcosina meglio con un encoder MP3Pro, ma non è gratuito e non è il caso di questa guida.

Come al solito il consiglio è di seguire scrupolosamente le istruzioni e testare ogni passo prima di procedere al successivo.
Un po’ di nomenclatura, tanto per capirci: il server è il computer su cui gira SHOUTCast, ad esso si devono collegare gli ascoltatori; il client è il PC che trasmette la musica al server, che a sua volta la “ripete” al pubblico. Potete usare lo stesso PC che fa da server, che è il caso di questa guida, oppure un altro, sia dalla rete locale che da internet.

Cominciate installando Winamp, i default vanno benone, l’unico consiglio che vi dò è di non associare Winamp alla riproduzione di video, dopodichè installate anche il plugin DSP. Testate il player con alcuni mp3, intanto che procedete con l’installazione.
Accettate i default anche per l’installazione di SHOUTCast. Il programma si installa in C:\Programmi\SHOUTCast, ma non crea alcuna voce nel menu programmi, quindi per raggiungere l’eseguibile dovete aprire la cartella.

Ora che tutto è installato passiamo alla configurazione del server, editando il file C:\Programmi\SHOUTCast\sc_serv.ini. Primo problema: il file di testo è un formato un*x, quindi aprendolo con il notepad lo si vede senza interruzioni di righe e con alcuni caratteri “indesiderati”. Per aggiustarlo va aperto con Wordpad, avendo cura di selezionare “Tutti i files (*.*)” nella casella “Tipo file” della finestra di dialogo “Apri”. Dopo averlo aperto basta salvarlo senza apportare alcuna modifica, e da ora in poi saremo in grado di aprirlo con Notepad tramite un doppio clic.

Fatto ciò, apriamolo per procedere alla configurazione. I parametri che ci interessano sono i primi tre, nella sezione Required stuff.

  • MaxUser. Il numero massimo di ascoltatori contemporanei accettati dal server. Calcolate un valore adeguato alla vostra banda in uscita ed al bitrate a cui desiderate trasmettere. Ad esempio avendo una 256kbps in upload e volendo trasmettere a 24kbps, dovreste scegliere 256kbps/24kbps=10 utenti al massimo. Specificare un numero troppo alto non fa che sprecare RAM e bloccare lo stream a fronte di troppi utenti collegati. Se siete incerti mantenetevi su livelli prudenziali.
  • Password. Serve per trasmettere usando SHOUTcast. Questa è la stessa password che inseriremo più tardi nel plugin DSP. Non può essere lasciata in bianco.
  • PortBase. Il numero della porta TCP sulla quale gira il server. Questa porta e quella successiva non devono già essere utilizzate sul vostro sistema. Lasciare il valore di default 8000 è una buona scelta.

Salvate e chiudete il file. Lanciate C:\Programmi\SHOUTCast\sc_serv.exe, ed il server è pronto.
Se avete WinXP SP2, a questo punto apparirà una finestra che vi notifica la richiesta di aprire una porta, basta permettere sempre l’apertura, e non riceverete più l’avviso. Eventuali altri prodotti vi dovrebbero notificare qualcosa, dovete autorizzare il traffico verso il PC, sulla porta scelta.
Nella finestra di SHOUTCast potete vedere il log, cioè la diagnostica, in tempo reale. Cliccando sulla X in alto a destra il server si minimizza nella system tray, vicino all’orologio. Per arrestarlo usate “kill server” sulla barra dei menu, ma adesso non fermatelo.

A questo punto possiamo configurare Winamp ed il relativo plugin. Lanciate il programma, dal menu “Options” scegliete “Preferences”, e cliccate su “DSP/Effects”, nella sezione “Plug-ins”.
Selezionate “Nullsoft SHOUT cast Source DSP”, apparirà la finestra della configurazione del plugin. Cliccate su “Close”, per chiudere la finestra delle preferenze, e assicuratevi che SHOUTCast sia in esecuzione.

Passiamo alla finestra “SHOUTCast source”: selezionate la linguetta “Output”, cliccate su “Output1”, poi su “Connection”, e compilate i campi nel modo seguente:

  • Address: 127.0.0.1
  • Port: 8000, oppure il valore di PortBase della configurazione di SHOUTCast, se lo avete modificato
  • Password: inserite la password di SHOUTCast che avete specificato nei passi precedenti
  • Encoder: 1

Cliccate su “Yellowpages”, disabilitate “Make this server public”, in “Description” inserite il nome che volete dare alla vostra radio, verrà mostrato agli ascoltatori assieme ai tag MP3 delle canzoni in onda. Svuotate il campo “URL”, e compilate il resto dei campi secondo le vostre preferenze e lasciate selezionato “Enable Title Update”

Passate alla linguetta “Encoder”, cliccate su “Encoder1”, e scegliete “MP3 Encoder” dalla lista “Encoder Type”. La configurazione del bitrate richiede un po’ di attenzione, per i problemi di banda visti precedentemente. La scelta dipende dalla banda che avete a disposizione, dal numero di ascoltatori, e condiziona la qualità dell’audio della trasmissione.
Per trovare i settaggi adatti dovrete fare un po’ di prove per aggiustare il tiro. Per cominciare scegliete “48kbps, 22Khz, Stereo”.
Controllate che, nella linguetta “Input” sia selezionato “Winamp” in “Input Device”.

E’ arrivato il momento della verità: fate partire un file MP3 in riproduzione, tornate alla linguetta “Output” e premete “Connect”. La sezione “Status” mostra il tempo di connessione e la quantità di dati trasferiti dal player verso il server, inoltre nella finestra del server i messaggi di log dovrebbero mostrare “[source] connected from 127.0.0.1”.

La vostra radio è già funzionante, per testarla potete fare così: abbassate il volume di Winamp, aprite Windows Media Player e scegliete “Apri URL” dal menu “File”. Nell’indirizzo inserite http://localhost:8000 e ascolterete il prodotto della vostra trasmissione!

A questo punto state trasmettendo sulla vostra scheda di rete e/o modem ADSL, ad esempio i computer collegati alla vostra rete locale possono “ascoltarvi” tramite l’indirizzo http://123.123.123.123:8000/listen.pls sostituendo a 123.123.123.123 il vostro indirizzo IP privato oppure il nome del vostro PC.

Allo stesso modo siete raggiungibili da internet utilizzando l’indirizzo IP pubblico, al posto di quello privato. Se non conoscete il vostro IP pubblico, www.whatismyip.com vi aiuta.

Ricordate di popolare la playlist di Winamp con le canzoni che volete trasmettere.

Se volete dare un vero nome alla vostra radio, e non costringere sempre i vostri ascoltatori ad inserire l’indirizzo IP, che oltretutto può cambiare, qui trovate spiegazioni sull’uso e la configurazione di DynDNS, la ciliegina sulla torta di questo giochino. E’ molto più comodo avere un indirizzo del tipo: http://miaradio.dyndns.com:8000/listen.pls

L’indirizzo http funziona sia inserito direttamente nel player, che inserito come link in una pagina web (un blog, ad esempio ;-)).

Se vi appassionate alla cosa e volete fare le cose seriamente, vi segnalo un SAM, un prodotto semi professionale commerciale, molto sofisticato e potente.

Potete tenere il client ed il server su due computer diversi, in questo caso nella configurazione del plugin DSP dovete inserire l’indirizzo IP oppure il nome del del server, invece di 127.0.0.1. In questo modo potete permettere anche ai vostri amici di trasmettere usando il vostro server, se gli fornite indirizzo, password e porta TCP.

Prossimamente vedremo come fare il relay (una specie di mirror) di una radio in onda, e vi parlerò di un’altro strumento: PicoStreamer.

Aggiornamento: mi fanno giustamente notare nei commenti che questa configurazione serve per trasmettere musica, per la voce ci sono da fare delle operazioni diverse. Ne parlo qui, nella seconda parte della guida.
Aggiornamento 2: se la vostra radio ha problemi ad essere ascoltata da internet e/o dalla rete locale, leggete tutti i commenti e poi guardate qui.

904 commenti

  1. ottimo! io ho “lavorato” 4 anni in una webradio, all’epoca anche una delle pi famose, e questa guida proprio fatta bene… manca solo, a mio avviso, la corretta configurazione della scheda sonora per poter parlare sulla musica abbassandola quando si attiva il microfono 🙂

  2. @dandyna: ecco il tutorial per intelligentoni:
    1) Per fare una webradio scaricare shoutcast ed il plugin di winamp, configurare e aprire la porta TCP. Fine.
    😀

    @Tambu: magari ne parlo in un altro post….

  3. Simone: SHOUTCast c’ anche per Linux e funziona benissimo, l’ho provato. Sul sito trovi anche lo strumento per il client linux. I guru mi dicono di testre anche Shout, oppure il plugin oddsock che va su xmms.

  4. Come faccio a far ascoltare la mia radio anche fuori dalla rete locale?
    L’ip che ho ricavato dall’sito che mi hai dato prima non funziona.
    Dipende qualcosa dal router?

  5. Mario, come dicevo nel post, devi essere sicuro che il tuo router forwardi la porta scelta verso il tuo server. Come fare… un’altra storia e dipende dal router. Ognuno ha una procedura diversa, non posso aiutarti. Devi fare riferimento al manuale.

  6. ciao, ho installato il tutto, ma non riesco a farmi ascoltare. Ho Xp2 e il firewall mi blocca???
    Ho provato a disattivarlo ma non mi ascoltano lo stesso.
    Cosa sar?

  7. ciao, riesco ad ascoltarmi solo sulla rete locale, ovvereo digitando locahost:8000 in winamp.
    Ho trovato il mio ip e ho provato ad ascoltarmi e a farmi ascoltare, ma non ci riescono.
    Ho pensato di discattivare il firewall di Xp per sc_serv.exe (pannello di controllo, firewall, eccezioni..) ma non riescono comunque. Nella finestra di controllo del scserve appare questo messaggio.

    [yp_add] yp.shoutcast.com gave extended error (Cannot see yo
    ur station/computer (IP: 213.230.130.53:8000) from the Internet, disable Interne
    t Sharing/NAT/firewall/ISP cache (Connection timed out))
    [active] 0 listeners (0 unique).

    Spero di essere stato pi chiaro, grazie a presto.

  8. saro stupido per mi dice sempre che ho sbagliato passworld quando provo a connettermi 😀 …. scusage gli errori per non sono italiano :))

  9. @mario: controlla bene perch la configurazione molto semplice; prova a cambiare la password con una pi corta e meno complessa, tanto per essere sicuro di non sbagliare.

  10. capisco.. per connettermi uso il gprstim con cell… credo che sia questo il problema, se la configurazione corretta.
    Appena posso prova con un’altra connessione.
    Ti ringrazio

  11. @francesco: e direi! 😀 Non credo che tu abbia speranze di riuscire via GPRS. Tra l’altro la banda che hai talmente poca che non credo riusciresti ad avere neppure un ascoltatore.

  12. beh.. si non e che ne so tanto per a qulelii che da l’indirizzo per senire dicono che gli compare “impossibile visualizare pagina…”

  13. allora l’indirizzo e giusto ho sbagliato un altra cosa pero non ho ancora capito cosa…Ma posso unsare un sito al posto del ip? se si puo come faccio? aa se rompo troppo..me lo dimmelo cosi non ti chiedo piu niente 😀

  14. qual’ il miglior compromesso per chi ha una connessione 256 kbps in upload? non ho ancora capito… con l’anteprima di WMP nn mi da errori di ricezione a 64 kbps per gli ascoltatori che si connettono rimangono per un breve lasso di tempo.
    Aiutatemi pls.

  15. ArChEpHyTe: un semplice calcolo: 256/64 = 4 ascoltatori massimo, ma contando un poco di overhead, non pi di 2 o 3… Dal sito shoutcast: ” Maximum bandwidth used for serving is equal to the bitrate you are serving at multiplied by MaxUser x 1.1.”

  16. Ho settato tutto e riesco a sentire la radio in local host ma non riesco a farla sentire a nessuno. Per far connettere qualcuno al mio ip basta che metta nella riga degli indirizzi del browser http:\numeroip:8000 ? Grazie.

  17. C’ un tool che mi permetta di capire dall’esterno quali porte sono aperte? Ho dei problemi perch devo aggirare un router e un firewall hardware che per ora non posso modificare.

  18. MA ho letto che Bru ne stava facendo uno per Apple!!!!
    Sarebbe interessante visto che sono utente Mac!!!!
    Ragazzi riusciamo a dare un nome per un sw per Apple…..
    Per Win ce ne sono tanti piu o meno Pro e sono belli…… Ma per Mac???
    Non mi dite Nicecast……. Gia provato!!!!

  19. …ciao, devo dirti che le tue spiegazioni sono esaurientissime^__^….ascolta io ho appena installato un server linux mandriva 2005…perch ho avuto troppi casino con xp service pack 2….mi potresti mandare una mail con il dettaglio delle spiegazioni per una radio su linux?…conta che di linux so ben poco!!!….un ringraziomento particolare in anteprima!!!!

  20. Ciao, ho trovato la guida fatta molto bene. Una domanda. Se si volesse fare le cose pi in grande, cio trasmettere a MOLTI pi ascoltatori, che si deve fare? Immagino una connessione di banda molto larga (ne esistono?) in upload. Lo shoutcast va sempre bene, o esistono programmi specifici per fare una cosa pi professional, che gestisca molti pi utenti? Vedo sul sito Shoutcast radio con 10.000 utenti in linea, e pi.. come fanno? Mi sai dare info a riguardo, o qualche sito che spieghi come fare una webradio non proprio amatoriale (cio uno stream di buona qualit a centinaia di utenti)? ti ringrazio anticipatamente.. 🙂 Massimo

  21. @Massimo: Shoutcast va bene anche per grandi numeri di ascoltatori, il problema solo la banda. Le radio con migliaia di ascoltatori usano sistemi per ripartire il carico su server diversi, ma il demone credo sia sempre Shoutcast. Il calcolo della banda necessaria facile: ascotatori*bitrate*1.1

I commenti sono chiusi.