Tag: pipponi

  • Turin Marathon 2015. Del quando le cose sono peggiorate improvvisamente.

    Turin Marathon 2015. Del quando le cose sono peggiorate improvvisamente.

    Dopo una notte di diluvio universale, alle 7 del mattino il cielo è terso e non si vede una nuvola. Arrivati in centro prendiamo l’ultimo caffè e mi preparo per la partenza. C’è meno gente di quanta me ne aspettassi: l’organizzazione dichiarerà poi 2500 iscritti. Mi unisco al gruppo, la temperatura è perfetta, ci saranno […]

  • Di piedi e di ali

    Di piedi e di ali

    Nella corsa quasi tutto è “interno”, dipende da te stesso, ti arriva da dentro, la ottieni con tempo, pazienza, impegno e a volte sofferenza. La maggior parte dei fattori “esterni” sono irrilevanti: di condizioni atmosferiche, circostanze, sfighe, e inconvenienti di varia natura è inutile preoccuparsi, tanto si tratta di cose al di fuori del tuo […]

  • Buio

    Buio

    Ti alzi quando fuori è ancora buio, ti prepari velocemente ma seguendo il solito rituale: scarpa destra, doppio nodo, scarpa sinistra, doppio nodo. Allacci l’orologio, esci nell’umido del mattino e l’aria ti saluta con il suo abbraccio un po’ freddo. Non sai come andrà, non lo sai mai; a volte bene a volte meno bene. […]

  • L’uomo che correva ridendo

    L’uomo che correva ridendo

    L’uomo che correva ridendo si guardava attorno e respirava l’odore della mattina tiepida d’estate. L’aria era il carburante che gli gonfiava il petto e muoveva le sue gambe, le cose che vedeva lo facevano sentire parte del tutto. E per questo rideva. L’uomo che correva ridendo ascoltava musica. La musica era bella, era un onda […]

  • L’aeroporto di Algeri si fregia della qualifica di “internazionale”

    L’aeroporto di Algeri si fregia della qualifica di “internazionale”

    La settimana scorsa sono stato ad Algeri per lavoro; la parte difficile è stata tornare a casa. In Algeria i servizi non sembrano brillare per velocità, e quindi ci premuriamo di arrivare all’aeroporto con abbondante anticipo. Già fuori della porta la prima coda: per entrare bisogna subire il primo di una serie infinita di controlli. […]