Asus Eee PC: le prime impressioni

A T T E N Z I O N E ! Questo post ha piu' di sei mesi. Le informazioni contenute potrebbero non essere aggiornate.

Asus Eee PCGrazie alla gentilezza di Dema, sto provando da qualche giorno il nuovo gadget oggetto del desiderio di parecchi nerd come me, L’Asus Eee PC. Già che ci sono condivido con voi le mie impressioni d’uso.

Intanto vorrei fugare qualunque dubbio: si tratta di un computer a tutti gli effetti, dotato di un hard disk allo stato solido. Ci girano Linux e Windows XP in versione nativa e completa.

Il modello è Eee PC 4G, con 512 Mb RAM, HD 4Gb allo stato solido e webcam integrata. L’oggetto è bianco, piccolo e pesa circa 1 Kg, l’estetica è semplice e non mi dispiace; le dimensioni sono pressappoco quelle di un’agenda del tipo che le banche fino a qualche anno fa regalavano ai propri clienti. L’alimentatore è un po’ grande, ma non so se è uguale a quello che arriverà sul mercato italiano; è del tipo che si collega direttamente alla presa nel muro, bianco, e con il cavo abbastanza lungo. La plastica è di qualità media, l’assemblaggio buono e le cerniere del monitor sono fin troppo rigide. In dotazione c’è una custodia morbida.

La tastiera è piacevole da usare, i tasti hanno una corsa sufficiente e una buona risposta; per forza di cose è molto piccola, il che costringe a digitare con attenzione. Gli utenti con le dita particolarmente grandi potrebbero avere qualche difficoltà a lavorare molto velocemente. Il touchpad è una unità nella media, sufficientemente precisa e non fa venire subito la voglia di collegare un mouse esterno. Ha un’area sensibile sulla destra che consente di scrollare le pagine con un solo dito; anch’essa è abbastanza piccola ma comunque utilizzabile.

Sul lato destro del computer ci sono il lettore MMC SD, due porte USB 2.0, una uscita VGA per il monitor esterno, e l’attacco kensington antifurto, sul lato sinistro un’altra USB, una Rj-11per il modem “muta” (non c’è il modem) e la porta RJ-45 per la rete locale. Eee PC è equipaggiato con una scheda wireless 801.11a/b/g a 54 mb/s.

La scheda wireless è molto stabile e funziona bene sia con un Apple Airport Express che con un La Fonera+, WPA e WPA2 sono supportate; l’unica pecca è una certa mancanza di sensibilità, perché dove Windows e Mac OS/X riportano campo “pieno”, l’indicatore di campo raggiunge solo la metà. (Ma potrebbe anche essere un problema dell’interfaccia). In ogni caso funziona abbastanza bene da non avermi fatto venire la voglia di connettere un cavo di rete. (Mai fatto, finora).

Il computer è equipaggiato con due altoparlanti inseriti ai lati dello schermo, che malgrado le dimensioni minuscole, suonano meno peggio di quanto si potrebbe pensare, e sono comunque adeguati all’uso che se ne deve fare. Non ho provato il microfono né la webcam, che con il sistema operativo Xubuntu non funziona (poi vi dico).

Veniamo alla parte che più influenza la mia opinione sull’Asus Eee PC: il monitor. Si tratta si una unità da 7″, con aspect ratio 16/9 (o simile), la risoluzione è di 640×400 800×480, la visualizzazione nitida e con una buona luminosità. Preciso che si tratta di uno schermo “vero”, non “pixeloso” come si potrebbe immaginare. L’antialias dei caratteri funziona egregiamente e non affatica assolutamente la vista.

La nota dolente è la dimensione. La risoluzione è oggettivamente troppo bassa per un utilizzo proficuo, tanto che tutte le mie sessioni di Firefox si svolgono a schermo intero (F11), c’è da dire che l’esemplare in mio possesso è equipaggiato con una Xubuntu, non con la versione di Xandros con la quale questo computer viene venduto. Addirittura alcune in finestre particolarmente popolate, è impossibile raggiungere il bottone “OK” con il puntatore del mouse. Probabilmente con la versione nativa del sistema operativo questo inconveniente non si verifica, d’altra parte è uscita una distribuzione apposita per Eee che “addressa” tutte le questioni peculiari di questo computer, ma io non l’ho provata.

L’autonomia della batteria non mi è completamente chiara, ma dovrebbe aggirarsi intorno all’ora e mezza. Non so se con il sistema originale essa dura di più ma viste le dimensioni, secondo me dovrebbe durare almeno il doppio. Il computer è molto silenzioso, c’è una piccola ventolina quasi impercettibile che non crea il minimo fastidio anche in ambienti particolarmente silenziosi. L’Eeee è un computer sostanzialmente “fresco”, che si scalda solo un po’ durante la ricarica della batteria; è comunque tanto piccolo che io non riesco a tenerlo sulle ginocchia.

Due parole sul software: Dema lo ha acquistato in Cina, ed il software originale è in cinese. A seguito di ciò ha deciso di installare Xubuntu prima di mandarmelo; è stato molto gentile e mi ha detto di farci quello che voglio, ma non me la sento di pasticciarlo, visto che lo devono provare ancora un po’ di persone prima che ritorni al legittimo proprietario. Quello su cui, quindi, non posso esprimere una valutazione è l’usabilità del software con il quale viene venduto in Italia. C’è da dire che sul piccolo Asus può girare Linux, Windows XP e Xandros. Visto il processore Intel, non mi stupirei se qualche genio se ne uscisse con un hack per installarci Mac OS/X. (Aggiornamento: mi fanno notare che è già stato fatto!) Scommetto che a breve arriveranno una serie di applicazioni per utilizzarlo come mediacenter, server web, firewall, router ecc ecc.

Il boot è veloce e in pochi secondi si è pronti all’utilizzo, e l’impressione è di grande velocità. La navigazione con Firefox è perfino più veloce che con l’iBook (viste anche le recenti vicissitudini): le pagine si caricano molto velocemente e l’interfaccia è molto fluida; con due o tre programmi aperti contemporaneamente, non ho notato grandi rallentamenti. Anche lo spegnimento è molto rapido.

Esiste una pagina di Wikipedia abbastanza completa e con una nutrita lista di links, per chi volesse approfondire.

In conclusione si tratta di un ultraportatile molto divertente e abbastanza sexy, sarebbe perfetto con uno schermo più grande e con un modem HSDPA integrato. Una maggiore autonomia non guasterebbe. Ma d’altra parte l’oggetto costa meno di 300 euro, non si può pretendere troppo. In consegna in Italia a partire dal 21 gennaio, su Mediaworld. Lo comprerei? Penso di sì, mi piace.

(Un aggeggio del genere fatto da Apple, con uno schermo più grande, un disco fisso più capace, un’autonomia di almeno sei ore, un modem HSDPA interno, una firewire e Mac OS/X, sarebbe un sogno.)

Riupdate: Ne aveva parlato per primo Orangeek che è nel mio aggregatore, solo che me ne ero dimenticato. Lo linko perché è ranicchiato in posizione fetale a piangere. 😀

160 commenti

  1. La risoluzione e’ 800×480. (La stessa dei Nokia 770/N800/N810.)
    Coraggio, mancano solo quattro giorni alla presentazione di qualcosa di nuovo da parte di Stevo Jobbso.

  2. Un punto debole dell’EEE è il suo HD ma è possibile utilizzare SDHC per fruire di ulteriori 8-16 GB di capacità (la SDHC da 16 è ancora piuttosto caretta), però avrei apprezzato, se non 32, almeno 16GB di partenza.
    Il vero tallone d’Achille è la CPU, che è un indegno Celeron-M ULV 353 Dothan-512 (vecchissima architettura Pentium-M), con poca cache (512 KB), lentissimo, oltrettutto nell’Eee viene clocckato a 630 MHz contro i 900 potenziali della CPU (e d’altronde non potrebbero fare altrimenti, perchè se in condizioni standard danno un’autonomia ottimale, ad accumulatori nuovi, di 3h, non oso immaginare quanto durerebbe con CPU a 900… 3h son davvero pochine per un dispositivo ultramobile).
    C’è poi anche il problema della RAM: in teoria il chipset (910GML) supporta 2 GB di RAM, le versioni con modulo non saldato permetterebbero l’upgrade, ma Asus afferma (e per ora non smentisce) che la sostituzione del modulo invaliderebbe la garanzia (e vista la giovanissima età dell’Eee e il fatto che si tratta di un prodotto ultraeconomico, anche come materiali e qualità dell’assemblaggio, non rischierei di giocarmi la garanzia). Detto questo, XP dovrebbe girarci senza problemi (Asus fornisce col PC un supporto con i driver per XP), per Vista dubito fortemente che ce la faccia, la memoria SSD al posto dell’HD aiuterebbe, ma onestamente, vista la lentezza con cui gira su notebook con CPU infinitamente più veloci e il doppio della RAM, dubito sarebbe produttivo utilizzare Vista sull’Eee…
    Circa il discorso sulla mediocrità dello schermo, gira la notizia della presentazione entro 6 mesi di una versione con display da 9″ (che, ovviamente, ci sta ampiamente nel frame attuale) e risoluzione più decente.

  3. Secondo le indiscrezioni, al MacWorld che inizia tra qualche giorno Apple dovrebbe far diventare il tuo sogno una realtà (ma non garantisco per l’HSDPA integrato.

  4. bella andre, sei un grande

    ma non l’hai aperto? non hai mica capito che cpu ha sotto, e a quanto gira? sul sito ufficiale nn ho capito

    schede compact express niente, eh? se si vuole andare umts/hsdpa bisogna passare da usb, corretto?

    fortissimo, cmq…

  5. Un aggeggio del genere fatto da Apple, con uno schermo più grande, un disco fisso più capace, un’autonomia di almeno sei ore, un modem HSDPA interno, una firewire e Mac OS/X, sarebbe un sogno.

    molti sostengono che al Macworld Jobs annuncerà un subnotebook 10″ che risponderebbe a queste caratteristiche. io lo trovo un tantino troppo piccolo come unica macchina, ma mafe sta già sbavando.

    il mio sogno, e quello di tanti altri, sarebbe un tablet 7″ apple senza tastiera fisica, sincronizzato via bluetooth con la macchina principale. dell’eee non so se saprei esattamente cosa farmene.

    ah sì: media center e bittorrent 🙂
    che sia veloce è un’ottima notizia: hai provato a riprodurci gli xvid?

  6. “Un aggeggio del genere fatto da Apple, con uno schermo più grande, un disco fisso più capace, un’autonomia di almeno sei ore, un modem HSDPA interno, una firewire e Mac OS/X, sarebbe un sogno”

    E costerebbe 2000 euro.

    Leggendo un po’ in giro ho scoperto che in 800×480 non ci sono problemi di nessun tipo su Windows e su Ubuntu. E lo Xandros che ha sopra è fatto apposta, quindi…

  7. per tutti gli interessati a tutto ciò che si può fare con questo gioiellino e le varie ottimizzazioni consiglio questo bellissimo sito/blog: http://www.eeepc.it/

    volevo segnalare comunque che la prossima versione dell’eee avranno schermi più grandi (8.9 pollici), in pratica sfruttano tutto lo spazio presente (attualmente c’è un bordo nero intorno al monitor da 7 pollici)

  8. Interessante, ma mi stupisce la scarsa durata della batteria. Per un oggetto di questo tipo direi che è la caratteristica più importante, o almeno lo è per me.

  9. Sicuramente un oggetto MOLTO interessante. Se ne avesse fatto uno la Apple, con le caratteristiche che hai indicato tu, sarebbe stato il perfetto sostituto del mio iBook (dopo aver acquistato l’iMac…cosa che avverrà a breve).
    Anche così, comunque, a quel prezzo, resta un prodotto invitante…

  10. Carino, peccato come hanno già detto altri per la CPU. Però probabilmente il suo destino è quello di agenda-always-on. E dunque un po’ di web, un po’ di posta e poco altro.
    Dubito che chi voglia lavorar seriamente prenda in considerazione un 7 pollici.
    Già i 13,3 del MacBook li trovo “al limite”…
    Ciao,
    Emanuele

  11. Beh comunque ottimo come secondo pc e come device volante costa meno di un nokia… 😛
    un’unica domanda, prima di precipitarmi ad acquistarlo: legge anche le Memory Stick Sony?

  12. Grazie a Francesco e MrGorefest per la segnalazione 🙂 Sono praticamente d’accordo con tutti voi, dopo un mese di utilizzo lo ricomprerei sicuramente. Posso assicurare che con la Xandros preinstallata la batteria dura piu’ del doppio di quanto affermato da Andrea. Addirittura, con luminosita’ al minimo, wifi, audio e webcam disattivate, l’ho usato per scrivere con writer almeno 4 (non mi ricordo bene perche’ era l’ultimo dell’anno…) senza problemi. Per quel che riguarda la garanzia, Asus ha chiarito tempo fa la sua posizione (http://usa.asus.com/news_show.aspx?id=9223) assicurando che non decade, in caso di upgrade della ram.

  13. Ehm… posso unirmi anch’io al club? 😛
    Andrea… devo smettere di leggere il tuo blog… in tre giorni mi hai convinto a comprare prima l’NSLU2 e poi l’EEE.
    Spero tu non abbia altre “sigle strane” da presentare nei prossimi giorni, altrimenti dillo prima e ti cancello subito dai feed! 😀

  14. Io ho avuto occasione di vedere la distribuzione Xandros in azione a Parigi, e mi è sembrata ottima, perché “contestualizzata” all’oggetto su cui gira. L’unica mia perplessità è su come gestisca le applicazioni aggiuntive, ma è chiaro che partando da un sistema open se ne potranno vedere delle belle.

  15. @suzukimaruti, 2000 euro non mi sembra realistico, ma tieni conto che Nokia vende quella mer** di communicator (come si chiama ora? E90?) come micro pc a… 700 euro

  16. E’una cagata, dopo un tempo ragionevole d’uso, i più che l’avranno acquistato lo getteranno nel cesso.Ovvio che per i nerd come te l’architettura hw andrà più che bene come tu dici, ma per i curiosi della novità, e per i “misci”, quando scopriranno i limiti, e non sto ad elecarli perchè basta un pò di conoscenza dell’hw per intuirli, lo getteranno dove ho detto.

  17. Secondo me a 300 euro è un ottimo “secondo portatile” da portarsi a giro senza rischiare di spaccare un ultraportabile da 1500/2000 euro (mac o meno). E per molti tipi di utenti (web, email, word processing e poco altro) potrebbe anche essere l’unico: cavolo, costa quando un cellulare di fascia media!
    Per quando si è a casa/ufficio, la svolta è l’output VGA che dal wiki sembra arrivare addirittura a 1600 di risoluzione (ma andrebbe comunque benissimo una sana 1440×900 su monitor 20).
    L’altro grande vantaggio, oltre che per gli early adopters :), è che sembra ne verranno lanciati altri di oggetti tipo questo, da altri costruttori e alla stessa fascia di prezzo.
    andrea:
    Tutto mi sarei aspettato con le mie lacrime, ma mai un link dal grande beggi! di solito mi prendono a calci quando piango 🙂

  18. Grazie a tutti per i commenti e, soprattutto, per la fiducia che mi concedete acquistando l’oggetto a scatola chiusa. Sono stupito e preoccupato per questo “effetto E61”.

  19. Ciao Andrea: io ho gia’ un Toshiba “Libretto” piuttosto datato e con molta meno memoria, e con un display all’incirca delle stesse dimensioni. Ci girano WindowsME e Linux Slackware in una versione che ho accroccato appositamente (partendo da una installazione minimale e aggiungendo X e XFCE4) e che riesce a coesistere nella stessa partizione assieme a ME. Va in rete o tramite un adattatore ethernet pcmcia o tramite una schedina wifi sempre pcmcia. Non e’per niente lento ed e’perfettamente usabile sia con ME che con Slackware. Ciononostante l’eeepc, con linux nativo, mi alletta molto 🙂

  20. La vera rivoluzione sta nel fatto che finalmente è possibile acquistare un notebook senza sistema operativo proprietario preinstallato. Spero che nelle prossime versioni diano la possibilità di scelta (se prenderlo con xp o meno) altrimenti per quanto mi riguarda perde tutto il suo fascino.

  21. Quoto Alessio al 100%, il fatto di non essere costretti ad avere un sistema operativo pagandolo è la vera rivoluzione…e poi alla fine il rapporto przzo/prestazioni è molto vantaggioso…specie se si confronta con alcuni telefonini di fascia media come scriveva qualcuno più su

  22. Effettivamente l’EEE è un prodotto molto interessante, causa rottura del mio ibook ho deciso di acquistarlo prima di natale dall’inghilterra, un bel 4g nero.

    XandrOs non è male, abbastanza minimale e semplice da usare, ma nel breve inizia ad andarti sicuramente stretto e quindi si aprono due opzioni, o abilitare l’advanced desktop e usare kde (ma mantenere sul SSD il recovery OS limitando lo spazio disponibile) o installare un’altra distro linux.

    Io sinceramente ho provato Ubuntu (con gnome) usando l’eee-ubuntu-support, che praticamente patcha l’os ottimizzando l’init e rendendo le hotkey funzionanti, ma alla lunga risulta un po’ scomodo, e come suggeriva Andrea diventa molto comodo eeeXubuntu una distro ritoccata ad hoc che nella release 3 ha già i driver per webcam (usando ucview) e wifi (senza usare ndiswrapper) e con init script ottimizzato e hotkey supportate.

    C’è da dire che non conviene molto giocare nell’installare/disinstallare dato che l’SSD non è un HD normale, quindi bisogna cercare di minimizzare letture/scritture, quindi molte directory (/tmp, /var/tmp, etc etc) vengono montate come tmpfs e senza usare una partizione di swap.

    Per il resto le prestazioni sono ottime, almeno per l’uso che devo farne io come ufficio mobile.

  23. Sinceramente pensavo ad un prezzo decisamente più basso (almeno questo è quello di cui si parlava per il modello a 4 G / 512 Ram).
    Per il resto mi eviterebbe di portare qualche kg di troppo per il laptop.

  24. Beh inizialmente il prezzo dichiarato era si diverso, si parlava infatti di 199$ come prezzo retailer, il problema è che non era stato detto per quale versione.

    Ora sappiamo che era riferito al 2G Surf, cioè la versione con 256mb ram, 2G SSD e senza webcam.

  25. E’ presente soltanto il connettore rj11 (peraltro chiuso con un tappino di gomma nel mio modello), ma all’interno non c’è attaccata nessuna scheda.

  26. Ottimo post, condivido l’affermazione finale “(Un aggeggio del genere fatto da Apple, con uno schermo più grande, un disco fisso più capace, un’autonomia di almeno sei ore, un modem HSDPA interno, una firewire e Mac OS/X, sarebbe un sogno.)” e aggiungo “allo stesso prezzo” sarebbe davvero un sogno! Ma non si sa mai…. 😀

  27. qualcuno sa dirmi se ha il bluetooth?con xandrOS si riesce collegandogli un dongle bt a farlo navigare con un cellulare bt HSDPA?

  28. bello. mi piace molto come idea, e sinceramente quoto coloro che hanno fatto notare che viene (verrà) venduto in una fascia di prezzo decisamente bassa, e se si pensa bene a quello che ci si può fare, non è davvero niente male.

    un esempio: qualcuno di voi ha un bimbo piccolo, nelle cui mani vorrebbe mettere qualcosa di semplice, genitor-controllabile :), che sia comunque un PC e non un giocattolo da supermarket … e che non costi uno sproposito?

  29. Caro Andrea, sono passata per dirti che non ti ho blogorollato per pura cortesia come pensi tu, ma perchè:
    1) Sei un bell’uomo;
    2) Ho visto le foto dei Barcamp e mi sembri un tipo “di priscio” (dal barese= un simpaticone);
    3)Ho intenzione di passare a WordPress ;-D***
    Un bacione!

  30. be’, qui in USA l’aggeggio sta spopolando, soprattutto grosso boom per natale, e con l’arrivo della nuova versione da 8GB (e altro) andra’ ancora piu’ forte – con svariate occasioni a ottimi prezzi su ebay…

  31. Ciao e grazie per la bellissima recensione, lo stavo valutando proprio in questi giorni, sono interessato a vederlo per bene.
    Per l’harddisk, in fatto di poter usare le memorie SD (mi pare) credo sia un’ottima cosa.
    Grazie per la recensione, molto dettagliata ed interesante.

    ciao 🙂

  32. …bello Eee, molto bello il mac.air…ma qui pare tutti si stiano dimenticando di quello che secondo me batte tutti: FLYBOOK V5.
    Se nel confronto guardiamo il prezzo allora lo si può paragonare solamente al Mac.

  33. Ciao a tutti,
    io ho acquistato l’eee pc dopo aver letto il vostro blog, e non essendo in vendita in Italia l’ho fatto arrivare dal negozio GBAX inglese, trovato grazie al link in questa pagina; Come arrivato il PC si bloccava ogni tanto quando lo muovevo , ho aggiornato il Bios dal sito, ho installato l’active desktop e ho iniziato a personalizzarlo per renderlo simile all’XP. Problema ora si blocca spessissimo quasi sempre all’accensione, come carica l’active desk. e non si riavvia per almeno un 15-20 min. e le finestre sono più grandi dello schermo, legandomi praticamente le mani. Ho contattato l’assistenza che mi ha dato 2 possibilità: 1) contattare lassistenza inglese;2) aspettare che esca in commercio in Italia e richiedere l’assistenza (tempistiche 1/2 mesi circa). Qualcuno di voi può darmi qualche suggerimento? Grazie a tutti Luca

I commenti sono chiusi.