Stracci

È difficile essere me.

Ho comprato al brico una confezione di stracci sotto vuoto da 2 kg; “Pezzame stracci cotone”, lo chiamano. Una volta aperto si è rivelato una raccolta multicolore di brandelli di vecchie t-shirt, camicette leggere e pantaloncini di cotone di varie taglie e fogge. Profumano di bucato, quel profumo antico di sapone di Marsiglia e lavaggi a mano sull’asse di legno (reality: probabilmente solventi industriali con aromi sintetici). E io mi faccio dei film sulle povere persone che vivono in una tale miseria da dover vendere i propri vestiti per rimediare un tozzo di pane. Pieni di dignità, portano le loro povere cose al mercato, dopo averle lavate con cura, ignare che saranno destinate a diventare stracci per una parte di mondo molto più fortunata di loro. Continua a leggere

Pubblicato
Etichettato come Blog Taggato

Cronache da una pandemia, S01E13

Quando le aziende cominciano a crescere, a essere strutturate, ad avere un mercato e un fatturato abbastanza sostanziosi, cominciano a porsi delle domande. “Su cosa mi appoggio per erogare i mei servizi e creare i miei prodotti? Cosa succederebbe se, improvvisamente, sparissero le infrastrutture che utilizzo? In parte? Completamente? Cosa succede se arriva un terremoto? Se scoppia un incendio? Se tutte le strade che portano ai miei uffici e/o fabbriche si interrompono? Se non arriva più l’energia elettrica? E se il Cialtronistan ci dichiarasse guerra e sganciasse una bomba sui nostri edifici?” Continua a leggere

Cronache da una pandemia, S01E12

Sembra una banalità, ma lo è meno di quello che sembri: mi mancano le piccole cose, i gesti che mi concedevo, i momenti che trovavo per caso, gli imprevisti trascurabili e le stupidaggini insormontabili. Non c’è nessuna consolazione nel fatto che ho sempre avuto l’acuta percezione delle decine di momenti perfetti, di bagliori improvvisi, di inciampi del pensiero che mi portavano via e mi lasciavano stordito e incosciente in un luogo della mente diverso da pochi attimi prima.

Prendi una cosa stupida e comune come guidare. Guidare di notte, con calma, nella dolcezza tiepida della notti di primavera, con tutta l’iconografia stereotipata che ho sempre alimentato consapevolmente, perché aggiunge gusto al gusto. Il finestrino abbassato con il braccio fuori, la musica che deve essere proprio quel brano, le luci della notte che stendono un manto lucido sulle auto. Quelle robe lì, che hai visto e vissuto mille volte ma ogni volta ti danno lo stesso piacere. Continua a leggere

Cronache da una pandemia, S01E11

Sono tempi strani e oggi voglio parlare di una cosa dolorosa e circolare che mi appesantisce il cuore, il fisico e l’umore.

Questo brano immenso fa parte di un disco immenso e ci sono stati periodi della mia vita in cui diverse parti di esso mi hanno strappato di volta in volta il cervello, il cuore e le viscere e li hanno messi in un tritacarne.

I’ve got wide, staring eyes

And I got a strong urge to fly

But I got nowhere to fly to

C’è una frase in particolare che mi ha sempre comunicato l’angoscia, la tristezza e la stanchezza: “Got those swollen-hand blues”. La tristezza delle mani gonfie. Continua a leggere

Cronache da una pandemia, S01E10

Le giornate cominciano ad assomigliarsi sempre di più: la mia routine è consolidata, e per ora non sto soffrendo più di tanto l’inattività forzata. Mi manca correre, mi manca davvero tantissimo; ho un giardino, è grande, vedo le persone che corrono nei loro appartamenti e dovrei sentirmi in colpa, dovrei approfittare dello spazio che ho. Ma non lo faccio; ci ho riflettuto: non ci riesco. Ho un rapporto complicato con la corsa, non riesco a farne a meno, ma a volte mi pesa farla; mi piace, ma è una lotta continua con la pigrizia e con la fatica, ne ho un rispetto religioso e non riesco a contaminarla. Non è un caso che non mi piacciano trail, corse in salita, corse in discesa, corse a ostacoli, corse nei sacchi. L’unica mia “religione” è la corsa su strada asfaltata, in piano. Ho provato a pensare di correre in giardino: no. Continua a leggere